Intervista a Stefano Cipollari

Aktualisiert: 15. Dez 2020

Abbiamo intervistato l'artista Stefano Cipollari per parlarci di sé e delle sue opere.


Parlaci un po’ di te, di come sei entrato in contatto con l’arte?

Sono entrato a contatto con l'arte lavorando, cioè imparando il mestiere del decoratore, cosa che faccio tuttora in scenografia.

Il mio lavoro è sempre stato legato alla decorazione, ho imparato il mestiere nei cantieri subito dopo aver concluso il liceo.

Ho lavorato in vari ambienti come locali, discoteche, ristoranti e abitazioni private; questo mi ha permesso di fare esperienza e di avere una conoscenza molto eterogenea.

Inizialmente per me era un po’ come un gioco, un modo per imparare l’arte, la scienza dei colori e conoscere le tecniche pittoriche.

Quali sono state le tappe più significative del tuo percorso artistico?

Non ho avuto tappe in particolare che abbiano segnato dei punti nella mia evoluzione artistica. Se non la mia vita stessa. Grazie al mio lavoro cominciai ad apprendere tecniche sufficienti che mi permisero di entrare nel mondo del cinema e della televisione.

Quali sono gli artisti che hanno maggiormente influenzato il tuo lavoro?

Tutti gli Artisti, che ho conosciuto personalmente e non, hanno influenzato il mio modo di pensare e di sentire la vita. Potrei fare centinaia di nomi, ma molte sono persone non conosciute. Mi limiterò a citare alcuni che mi hanno formato in gioventù: Pasolini, Baudelaire, Rimbaud, Ellis, Kieslowski, Penna.

Cosa ti ispira?

Mi ispira la natura delle cose. Nella mia formazione letteraria, di conoscenza verso la natura delle cose, ci sono stati diversi autori che in modo differente mi hanno stimolato e avvicinato a ciò che mi attraeva di più. Questi hanno contribuito a farmi avere una visione poetica e drammatica della vita, una concezione romantica della gioia e del dolore. Una combinazione inscindibile, nulla senza l’altro. Un contrasto che crea l’armonia più meravigliosa. Uno stridente accordo.


Come capisci quando una tua opera è finita?

La pittura ad olio arrivò da sola, ma molto più in là.

Ad un tratto realizzai che tutti i miei pensieri, la mia visione della vita poteva essere tradotta in pittura. Una visione antropologica dei ragazzi che dipingo; i volti, le espressioni, le gestualità, i pensieri e le paure potevano essere trascritti solo attraverso la pittura.

Ma tutto questo non ha mai una fine perché questa mia necessità di comunicare si proptrae forse all’infinito, in una ricerca smodata e mai consolatoria. Diciamo che le mie opere, seppur terminate nell’aspetto figurativo in verità sono collegate tra loro in un lungo percorso che è ancora ben lontano dal terminare.

Quanto il periodo storico in cui vivi influenza la tua produzione artistica? Il periodo storico per forza oggettiva di cose, influenza il lavoro che faccio in pittura.


Nei tuoi lavori, ad esempio in Thought, è presente una sorta di “non finito”. Da cosa deriva? Ha un significato particolare?

Thought, facendolo, ho capito che non aveva bisogno di un volto perchè bastava l'atmosfera che esso stesso ha.











Sappiamo che sei uno scenografo televisivo, in che modo questo lavoro influenza la tua arte?

Faccio il decoratore di scenografia e lavorando comunque con pennelli e colori mi tengo in allenamento; ma lontano dall'idea di rappresentare quei corpi, quei volti nella loro drammatica compostezza.

Grazie al mio lavoro entrai anche nel mondo del restauro, sempre come decoratore. Ho avuto la possibilità di mettere mano su cose che non avrei mai immaginato di poter neanche lontanamente toccare. Potrei fare un elenco delle magnifiche location che ho avuto modo di visitare, o dei manufatti su cui ho lavorato, ma non voglio dilungarmi troppo.

Tutto questo ha, ovviamente, influito sul mio senso estetico e sul mio modo di concepire la bellezza e ciò si riflette inevitabilmente sulla mia produzione artistica.



All rights reserved © FMB Art Gallery | FMB Globo Arte srls


0 Kommentare

Aktuelle Beiträge

Alle ansehen

REGISTRIEREN

SUCHE

NEWSLETTER

Einige Sprachen werden automatisch übersetzt

©

Die Site verwendet die neuesten Sicherheitsprotokolle. (PCI DSS) di livello 1, ISO 27001, ISO 27018, TLS (Transport Layer Security) ...

© 2021 All Rights Reserved FMB Art Gallery | FMB Globo Arte s.rl.s. P. IVA IT15187741002